Pechino: il V Plenum scrive il futuro cinese

Con l’ultima sessione plenaria del PCC Pechino ha definito le linee guida del prossimo decennio. Xi consolida il suo potere all’insegna della doppia circolazione

di Rosalia Severino

Alla fine di ottobre si è concluso a Pechino il Quinto Plenum del Partito Comunista Cinese. Nel corso della riunione, i leader più importanti del Paese hanno definito la strategia di sviluppo economico e sociale dei prossimi anni. I temi chiave, già fatti filtrare nel dibattito pubblico cinese, sono doppia circolazione e autosufficienza tecnologica.

A metà ottobre, il presidente Xi in persona aveva annunciato a Shenzhen “la doppia circolazione”, strategia con cui la Cina intende rafforzare il proprio mercato interno e trovare una nuova dimensione nella realtà internazionale. Come? Sostenendo le politiche del lavoro e stimolando la domanda di un mercato, quello cinese, composto da 400 milioni di consumatori. Al momento tuttavia, il mercato interno cinese non assorbe quanto potrebbe: nelle economie avanzate il peso dei consumi rispetto al PIL è superiore al 66%, mentre in Cina è pari solo al 40%.

L’incremento dei consumi passa attraverso una modifica sostanziale dell’attuale struttura economica del Paese, essenzialmente dominata da investimenti statali ed esportazioni. Per comprendere quanto l’export in Cina sia fondamentale per il paese basta osservare che, in agosto, mentre l’economia globale era in totale recessione e il commercio internazionale calava del ben 18,5%, la Cina registrava una crescita del 10,4% delle esportazioni. Il recente proposito di diminuire la quota dell’export non è tuttavia da intendersi come una chiusura di Pechino, ma piuttosto come il tentativo di affrancarsi dall’incertezza del mercato internazionale. In particolare, il decoupling – disaccoppiamento- dall’economia statunitense è stato dichiarato irrealistico, in linea con il rialzo (+16%) del commercio tra RPC e USA nel terzo semestre del 2020. Inoltre, come sottolineato dal ministro della Scienza e della Wang Zhigang, la Cina ha sempre più bisogno del mondo, e così il mondo di essa, per raggiungere l’ambizioso progetto dell’autosufficienza tecnologica. Le tensioni con gli USA hanno mostrato alla Cina la via da seguire: migliorare le proprie capacità innovative in modo da non dover più importare tecnologia di base ma essere in grado di produrla in completa autonomia. È chiaro che quando si menziona il termine tecnologia di base il riferimento implicito è ai semiconduttori, fondamentali per l’intelligenza artificiale, i veicoli a guida autonoma e per tutte le connessioni wireless di quinta generazione. Attualmente la Cina importa 300 miliardi di dollari annui in semiconduttori- una cifra che supera persino le importazioni di petrolio – il 90% dei quali proviene dagli USA.

L’autonomia tecnologica passa attraverso il China Standard 2035.  Con tale piano, Pechino mira a fissare gli standard internazionali dell’industria hi-tech del futuro entro il 2035. Ciò gli permetterebbe non solo di raggiungere il primato tecnologico mondiale ma anche di internazionalizzare gli standard nazionali, estendendo il proprio soft powerIn altre parole, Pechino decide di puntare più sulla qualità e sull’efficienza del suo mercato piuttosto che sulla quantità, abbandonando l’etichetta di “fabbrica del mondo” che oramai gli sta stretta.

Il Plenum ha inoltre consolidato la leadership di Xi Jinping. Dal meeting non è emerso il nome di un papabile successore dell’attuale leader e la data del 2035, indicata nel progetto del China Standard, lascia presumere che Xi non intende mollare la leadership se non dopo il 2035. In realtà, nel 2018 Xi aveva già eliminato il limite del doppio mandato per la carica di Presidente della RPC per cui la mancata individuazione di un suo successore lascia presagire un maggiore accentramento del potere nelle sue mani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: