Goal al 90′: vince Olivia!

È di poche ore fa la notizia che arriva dal centro sportivo di Trastevere: Olivia potrà iscriversi a scuola calcio nel centro sportivo vicino casa, al Roma Uno, a partire dal prossimo anno, lei ma anche tutte le bambine che vorranno partecipare

di Mariaconcetta Briatico

Non è ancora scesa in campo Olivia, eppure ha già segnato il suo goal, il più importante. Una vittoria non solo per Olivia, ma per chi, come lei, si trova nella stessa situazione e vive il pregiudizio del calcio declinato solo al maschile.

“Il calcio è di tutti”. Oggi più che mai. E ce lo dimostra la vicenda che vede protagonista la piccola Olivia di sette anni di Trastevere che, fino a qualche ora fa, era costretta a rinunciare al suo sogno, giocare a calcio, soltanto perché la squadra di calcio vicino casa sua non ammetteva iscrizioni al femminile.

La notizia di Olivia, diffusa da Repubblica nei giorni scorsi, ha fatto riflettere tanto. In prima fila, a sostenere questa causa, c’è Alessia Tarquinio (volto noto al giornalismo sportivo) che, a sua volta, ha coinvolto le più grandi calciatrici italiane che non hanno esitato ad esprimere il proprio sostegno a Olivia.

“Cara Olivia, purtroppo per noi “femminucce” – come dice qualcuno – non è sempre facile fare quello che si desidera. Insisti nel raggiungere i tuoi obiettivi e non permettere a nessuno di mettersi tra te e i tuoi sogni. Sii coraggiosa Olivia, il calcio è per tutti” dice Alia Guagni, difensore dell’Atletico Madrid.

“Ciao Olivia non mollare! La tua battaglia, è la nostra!” scrive in un post di Instagram Cecilia Prugna, centrocampista dell’Empoli Femminile.

Federica Di Criscio, difensore del Napoli, scende anche lei in campo in difesa di Olivia: “Cara Olivia, purtroppo hai dovuto scoprire troppo presto quanto la vita possa essere complicata se vesti i panni di una donna e vivi in un mondo di uomini. Ti è stato negato un sogno e forse non hai nemmeno capito bene il perché, non perché tu non sia abbastanza forte da poter giocare con i maschietti, anzi sicuramente sarai molto più forte anche di me, ma per il semplice fatto che il tuo corpo è diverso dal loro. Sei, o per meglio dire ,diventerai una donna e da quel momento il tuo corpo sarà costantemente mercificato e reso erotico contro il tuo volere. Sei una donna e per questo sarai sempre giudicata, guardata, scrutata, non verrai giudicata in base alle tue capacità ma in base a ciò che indosserei sotto i vestiti, si sa che l’intimo attrae di più dell’intelligenza. Sei una donna e per le donne la strada per il paradiso non è di certo confortevole come l’erba sotto gli scarpini, anzi è lastricata di discriminazione, commenti volgari e giudizi sulla tua vita sessuale. Sei una donna e in un mondo di uomini una donna spaventa sempre, pensano che introdurre il “sesso debole” all’interno di uno sport che storicamente appartiene agli uomini minacci gravemente la loro virilità. Tale virilità probabilmente sarebbe appagata se da domani iniziassimo a giocare a pallone in bikini, allora si che il calcio diventerebbe “ da femmina”. Sei una donna, non scordarlo, lotta per quello in cui credi sempre. Nell’attesa che tu possa crescere e capire davvero le mie parole noi giocatrici lotteremo e ti prometto che cercheremo di spianare la strada a te e a tutte le piccole donne che vorranno avvicinarsi al pallone. Prima o poi vedere una donna con gli scarpini invece che con i tacchi non sarà più così strano. Buona fortuna piccolina.”

Finalmente, dopo i messaggi di sostegno da parte della Tarquinio e di numerose calciatrici, il centro sportivo ha fatto retromarcia sulla decisione, e a partire dal gennaio prossimo, Olivia potrà coronare il sogno alla pari dei suoi compagni. A pochi giorni dalla notizia di Stéphanie Frappart – prima donna arbitro in una partita di Champions League (Juventus contro Dinamo Kiev) -, e l’elezione di Sara Gama come vicepresidente dell’AIC, questa notizia può essere considerata non meno importante in un Paese che deve ancora crescere e progredire sotto questo aspetto.

Credit Photo: Repubblica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: