“Nuntereggaepiù” versione 2021

di Pierpaolo Russo

Fosse ancora in vita, il compianto Rino Gaetano, avrebbe costantemente aggiornato la versione della sua canzone: un grido d’accusa contro classe politica, classe dirigente, volti noti; canzone uscita nel 1978 ma, cambiando qua e là i nomi, sempre tanto (e troppo) attuale.

Ne scriverebbe senz’altro un’altra versione in questo pazzo 2021 (e siamo solo a febbraio!), quello che doveva essere l’anno della rinascita dopo l’annus horribilis 2020. Anno partito male.

Se la scienza ha fatto il miracolo nel trovare in tempi record il vaccino per il virus SARS-CoV2, a soffocare l’esultanza è intervenuta l’impossibilità di rispettare le promesse fatte sulle consegne. Ritardi sui vaccini e il solito scandalo all’italiana che ha colpito il Commissario per l’emergenza Arcuri, con ordini di siringhe sbagliate, mascherine con prezzi gonfiati, gazebo con primule da milioni di euro, minacce di denunce ad una giornalista per domande poco gradite. Poi Renzi, colui che doveva lasciare la politica se non avesse vinto il sì al referendum del 2016, che criticava i veti dei “partitini” nel 2017 ma che a inizio 2021 (con il suo “partitino” e il suo veto) fa cadere il secondo governo Conte.

Secondo governo Conte a coalizione M5S-PD, definita giallo-rossa. I gialli, quelli del “Mai con quelli di Bibbiano” insieme a quelli di Bibbiano. Quelli del “Mai con i populisti no-vax e no-euro”, insieme ai populisti no-vax e no-euro. Con Conte riconfermato, pazienza se il Segretario Dem Zingaretti aveva posto il proprio veto; infondo, nel frattempo, i “populisti” sono diventati grandi europeisti e pro vax. Nella vita si cambia.

Primo governo Conte a guida giallo-verde, con la Lega (ex “Nord”) dunque. Anche lei ha cambiato idea: non essendo riuscita a convincere il Vesuvio a “lavarli col fuoco”, tanto valeva andare a cercare i voti al sud e magari attaccarsi al nuovo nemico, quell’extracomunitario brutto e cattivo a cui danno 35€ al giorno e hotel con Wi-Fi. Appoggio a Conte, Decreto sull’immigrazione, reddito di cittadinanza ma dietrofront in un caldo giorno d’agosto al Papeete, a suon di bikini e “Fratelli d’Italia” in versione rock.

Chi è rimasta sempre in minoranza è la Meloni. Prima mamma, dopo donna, orgogliosamente italiana, contro il fondamentalismo islamico, contro il “genitore 1, genitore 2” e grande sostenitrice di Orban, personcina mite dentro i confini nazionali e cosi amico degli italiani da mettere inizialmente il veto agli aiuti europei all’Italia.

Berlusconi invece, con venti anni al potere, ha dato parecchio materiale per fare strofe di una nuova versione di “Nuntereggaepiù”.

Ora l’incarico a Super Mario Draghi che diventerà, fiducia permettendo, il Presidente del Consiglio di larghe intese che deve gestire pandemia, campagna vaccinale e programmazione degli oltre duecento miliardi di Recovery Fund.

Impossibile pensare non ne sia capace.

Ma tra due anni si ricordi, caro Presidente, quelli che ora l’osannano, quelli che le daranno la fiducia e la applaudiranno nel suo discorso alle Camere, saranno gli stessi pronti a scrivere una strofa di “Nuntereggaepiù” dedicata a lei. Non è ingratitudine, no; in cuor loro sanno che avrà fatto, ed anche bene (si spera), tutto quello che andava fatto. Non si chiama “ingratitudine” ma “campagna elettorale”: viviamo nell’eterno presente, i disastri e i fallimenti di questa (da decenni) pessima, incoerente e trasformista classe politica verranno dimenticati e la il nemico sarà Draghi. E pazienza se sarà la seconda volta che ci salva. Nunvereggaepiù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: